La realizzazione della nostra ceramica segue passo per passo l’antica lavorazione della rinomata ceramica vietrese.
Ogni pezzo richiede tempo, precisione ed una spiccata fantasia per ottenere prodotti sempre esclusivi.

La Prima Cottura

È ora che quella forma data alla terra dai nostri Maestri Ceramisti (ora di asinello, ora di piatto o di vaso ornamentale), una volta asciugata, passi nel forno ad una temperatura intorno ai 960°, così che le forme date restino per sempre.
Ma la nostra ceramica, una volta uscita dal forno, ancora allo stato grezzo ed ancora del colore della terra ha ancora molta strada davanti a se per potersi fregiare del nome di vera Ceramica di Vietri …l’attende infatti ancora la smaltatura e l’abile mano dei nostri Decoratori per essere dipinta a mano.

La Smaltatura

La smaltatura, che solitamente avviene per immersione, ricopre l’oggetto di una strato bianco che servirà poi da base per la decorazione. Se il caso lo richiede tale tecnica può avvenire anche per aerografia o a velo.
Il particolare smalto utilizzato è il tipico smalto Bianco Vietri dal colore bianco sporco semitrasparente che conferisce ai colori utilizzati successivamente un’effetto di brillantezza, tipico dell’antica produzione vietrese.

I Colori

I colori principali delle nostre ceramiche, realizzate a mano con tecniche tramandate da generazioni, ricordano tanto i colori del sud: il blu stampa, il blu oltremare, il blu antico, il giallo del sole e dei limoni della Costiera Amalfitana, il giallo tipo vietrese, il verde ramina, il verde chiaro, il manganese, l’arancio e il rosso carminio.
I colori utilizzati sono parte di un disciplinare antico quanto severo, sono tutti a base acqua e sono tutti a-tossici, destinati anche a stoviglie per uso alimentare.

La Decorazione

La tecnica di decorazione dei nostri Maestri Decoratori sullo smalto bianco Vietri ancora crudo è effettuata esclusivamente mediante disegno a mano libera e la successiva applicazione manuale a pennello dei colori.
Le nostre realizzazioni presentano decori che si ispirano alla tradizione vietrese, ma non disdegnano anche nuovi decori che propongano un’attenta rivisitazione della stessa.

La Seconda Cottura

Dopo la smaltatura e la decorazione si procede con la seconda cottura nel forno ad una temperatura di circa 900°C, per fissare lo smalto all’oggetto e conferire alla ceramica la sua tipica resistenza e brillantezza.
La seconda cottura è la più lenta, ma forse anche la più delicata, quella dove tutta la maestria, la sapienza e l’esperienza dei Maestri deve realizzarsi per dare vita a pezzi unici di Ceramica Artistica, dove i colori brillanti prendono vita, per regalare emozioni che si rinnovano ogni qualvolta li si ammira.